C’ALICE – ALICE E GIOVANNI

Calice_London_11

Alice Ravelli, 26, co-proprietaria di C’Alice (Ristorante & Wine Bar). Vivo a Londra insieme a mio marito Giovanni Di Stefano, 30 anni, mio socio insieme a mio fratello Michele, 22 anni, che vive a Milano.
 Il tuo motto
‘’Le scarpe parlano più delle parole’’

Presentati in tre righe
Amo la cucina italiana, lo shopping, odio la matematica e tutto ciò che è troppo complesso, Sono parecchio incasinata, non sto mai zitta, innamorata pazza del mio barboncino toy Tonino.
Giovanni è l’opposto: preciso, serio, un vero ‘’business man’’ insomma, oltre che un gran lavoratore. E’ una figura fondamentale nella mia vita: mi tiene a bada, anche se spesso si lascia andare alla mia follia ed insieme facciamo una gran bella squadra, anche sul lavoro.
Siamo entrambi amanti del buon vino e buone forchette!

Dove sei cresciuta
Sono nata a Londra, cresciuta a Brescia, ho vissuto e studiato a Milano.
Giovanni, invece, è nato e cresciuto a Palermo. Ha vissuto tra Milano, Singapore e Dubai per studio e lavoro.
Viviamo insieme a Londra.
Michele, mio fratello, è nato e cresciuto a Brescia. Al momento vive a Milano dove studia English Economics.

Cosa sognavi da bambina
Credo di aver voluto essere un sacco di cose da bambina: un militare, una ballerina, un dottore e quasi sicuramente anche una pop-star – ci spero ancora!
Giovanni ha sempre avuto il sogno di essere un campione di windsurf – che poi è stato, per altro, prima di iniziare la sua carriera da banker, quasi 10 anni fa.

Calice_London_06

Che cosa fai ora
Ho momentaneamente in sospeso un progetto di fashion design per occuparmi del nostro nuovo progetto comune: l’apertura di C’Alice – ristorante italiano e wine bar.
Mi occupo della parte creativa, oltre che di quella ‘’sociale’’.
La mente dietro tutto questo è Giovanni: da sempre voleva aprire una vineria ‘’italiana’’, un posto dove potersi sedere a sorseggiare del buon vino accompagnato da piatti altrettanto saporiti.
La nostra idea è quella di creare un concept da riproporre in altre parti del mondo.
Con la partecipazione di un business consultant – Saggitter One – abbiamo trovato il locale giusto, abbiamo demolito il locale precedente, assunto un architetto (ed amico) italiano, Maurizio Balistreri di Balistreri Experience, preso ‘’on board’’ il mio fratellino e siamo partiti.
Al momento C’Alice è ‘’under construction’’, l’apertura è prevista a breve!

Calice_London_02
Come ci sei arrivata
Eravamo seduti in un wine bar a Parigi quando Giovanni mi ha guardata ed ha detto: ‘’peccato che a Londra non ci sia un posto così, dove ti servono taglieri e formaggi di qualità, bevi fiumi di vino, un posto dove passare la serata con colleghi, amici, fidanzate e famiglia’’. Lui ha una grandissima passione per il vino, soprattutto le eccellenze siciliane e si è subito messo in moto per capire come rendere l’idea un progetto reale: per circa un anno ha lavorato su come rendere realtà questo sogno, studiando ogni dettaglio – soprattutto dal lato ‘’business’’ e manageriale che si è sposato benissimo con le mie idee artistiche.
C’Alice rappresenta l’unione tra nord (Lombardia) e Sud, sia nei piatti che serviremo, sia nei vini (oltre 130 etichette!) che li accompagneranno. Serviremo vini sia al bicchiere (anche con Enomatic) che in bottiglia.
E’ questo che rende C’Alice un posto diverso da tanti: rappresenta noi, le nostre storie, i nostri passati, le nostre culture che si uniscono sotto un unico tetto e ad un’unica tavola (o bancone!).

In che modo i tuoi studi hanno influito sul tuo percorso professionale
Più che i miei studi, credo che mi abbiano influenzata le persone che ho conosciuto durante il mio cammino, soprattutto durante gli anni a Milano.
Una in particolare, la mia amica Martina – toscanaccia DOC – mi ha avvicinata ancora di più al culto del vino, facendomi scoprire le gioie dell’assaporarlo.
Giovanni, invece, ha studiato Economia & Finanza in Bocconi ed ha cominciato a lavorare in Investment Banking fin da subito – è nato per vendere!
Inoltre, ha grandissime capacità imprenditoriali che sono state fondamentali per la realizzazione del progetto di C’Alice. Senza di lui, la baracca non starebbe in piedi!
Credo che i nostri percorsi e le nostre personalità, tanto diverse ma in fondo anche simili, siano complementari e la chiave del successo di C’Alice.

Calice_London_03

Gli errori che non rifaresti
So che sembra una frase fatta, ma non c’è niente che non rifarei. In fondo, gli errori più dei successi mi hanno dato ed insegnato qualcosa.
Sbaglio continuamente (e continuerò a farlo) e continuamente mi confronterò con scelte sbagliate e scelte corrette. Ma questo è fondamentale, questo mi fa sentire viva.

Per quanto riguarda Giovanni, penso che spesso si chieda cos’ha fatto di male nella vita per meritarsi un terremoto come me. Ma niente che un bicchiere del suo vino preferito non possa far passare..

Cosa sogni oggi
Voglio ancora essere una pop-star!

Se potessi scegliere, in quale città vorresti vivere
Sono esattamente dove voglio essere: Londra è casa.

La tua serata più divertente
Quella passata con gli amici: cena tranquilla a casa di qualcuno che regolarmente si conclude con pance piene, tanto buon alcol e segreti spifferati..

La tua domenica
Il giorno preferito di Giovanni: pigiama, pantofole e partite – sì, plurale!
Ed io che mi lamento sul divano!

I tre tips senza i quali non potresti vivere
– Le passeggiate a Richmond Park con Tonino
– Gli Eggs Benedict di Hally’s (New Kings Road, London)
– Amatriciana Gluten Free di Gola

Una persona da seguire su Instagram
Vale dire me? 😛

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *