IL GOLFO DEI POETI

L’estate è agli sgoccioli ma alcune mete sono perfette per chi ha voglia di esplorare l’Italia fuori stagione.
Questa volta vogliamo parlarvi della Liguria, non delle Cinque Terre, bensì di un Golfo talmente bello che fu d’ispirazione per poeti come Byron e Shelley. Da qui il soprannome, Golfo dei Poeti.

Partiti da Milano un venerdì sera, in due ore di macchina siamo arrivati a La Spezia.
Come base abbiamo scelto una delle nuovissime strutture di Costa Estate, Via Chiodo Luxury Rooms. Le camere, tutte rinnovate da poco, sono in una posizione strategica per chi volesse esplorare il Golfo.

In pochissimi minuti si può raggiungere il nuovissimo porto di La Spezia, Porto Mirabello.
Da lì ci siamo imbarcati in una comoda barca a vela di Madyson Sailing, capitanata da Corrado e la sua dolcissima moglie, che ci ha portati alla scoperta di questa incantevole baia.

Scoprirete che non solo le famose Cinque Terre hanno casette colorate, scorci mozzafiato e acque color smeraldo.

Navigando verso Lerici troverete Tellaro, un piccolo borgo marinaro con una chiesetta arroccata sugli scogli. La leggenda narra che durante il medioevo, un polpo, salvò il paese da un attacco dei pirati, suonando la campana in piena notte e avvisando i cittadini dell’imminente pericolo.

Per coloro che soffrono la barca e preferiscono i percorsi via terra, prima di Tellaro, troverete un eco-resort super esclusivo, l’Eco del Mare, con lettini e un ottimo ristorantino sulla spiaggia.
Nota: È consigliato prenotare con largo anticipo.

Sul versante opposto del golfo sorge Porto Venere, un arcobaleno di case colorate nonché uno dei posti più incantevoli del Golfo dei Poeti. Qui di fronte troverete tre isole, Palmaria, Tino e Tinetto. Le ultime due sono piccoline e completamente disabitate, mentre Palmaria, ha un ristorante ed uno stabilimento dall’acqua turchese chiaro.

A Porto Venere meritano una visita la grotta di Byron, musa ispiratrice del grande poeta inglese, e la chiesa sovrastante – San Pietro che sembra emergere dalla roccia.

Grazie a Cecilia e Anna, Costa Estate, per averci fatto scoprire questo piccolo angolo di paradiso Ligure.

Commenti

commenti