MARRAKECH: CITY GUIDE

Photo 23-05-15 15 48 38

Marrakech, Marocco

Marrakech è affascinante ma viveur.
Ha i colori ed i sapori dell’Africa, con spezie, sultani, mercati, hammam e palazzi ma con un tocco occidentale.
E’ luogo dove i riad si illuminano di candele e sono pronti a notti danzanti. Dove ci si sente sicure a girare di notte e giorno e dove la città la si vede dentro le mura e sui tetti.
Per noi è stata intensa, e grazie ad amici che vanno e vengono per lavoro e per piacere, l’abbiamo vissuta molto bene.

TO DO

Photo 21-05-15 13 42 18.jpg
SOUK & JAMI-EL-FNA
Perdetevi nel souk, il mercato che sembra un labirinto in cui più volte tornerete al punto di partenza, fino ad arrivare a Piazza Jami el-Fna che però si popola la sera verso le 20 con incantatori di serpenti e mercanti.
Nel Souk, non mancate la Terrace des Epices, ottima per caffè-pranzo-aperitivo, e la piazza delle erbe. Per aperitivo vi consigliamo per la vista al tramonto il Cafè Arab oppure uno dei tanti bar con rooftop in piazza Jami El Fna.
Comprate argenti, pietre, borse, tappeti, scarpe, oggetti orientali. Ma mi raccomando barattate, il prezzo finale deve essere almeno la metà di quello iniziale!

ROYAL MANSOUR & LA MAMOUNIA, due hotel da mille e una notte. Il primo per la spa tutta bianca, la piscina con maioliche e l’ingresso che wow. Il secondo per essere imponente, con piscina e giardini, ristorante e bar. Entrambi da vedere, Royal Mansour inaccessibile come prezzi, La Mamounia già più abbordabile.

TOMBE SADIANE
Stupenda per gli stucchi e gli intarsi, sono il mausoleo della dinastia sadiana. Risalgono al ‘500 e proteggono i corpi di 60 membri della famiglia, tra cui quello del sultano nella sala principale con dodici colonne.

PALAZZO EL BADI
Immenso e maestoso, lascia spazio alla vostra immaginazione riportandovi ai tempi dei sultani. Composto da circa 360 stanze, con piscina, prigione, marmi decorati ed oro.
Fu distrutto dal sultano Ismail che prese i materiali per decorare il suo palazzo.

PALAZZO EL BAHIA
Qui l’arte marocchina si mostra in tutto il suo splendore ancora intatta. Voluto da Ahmad Musa come sua residenza con 150 stanze e giardini per concubine e mogli (si dice infatti che Bahiya fosse la moglie preferita del sultano), ha porte e soffitti che vi faranno rimanere a bocca aperta.

JARDIN MAJORELLE
Quando l’architettura incontra la moda e l’occidente l’africa.
Un giardino variegato di cactus unici, un blu che si chiama blu majorelle, una love gallery, e due nomi: Yves Saint Laurent e Pierre Bergè. Con l’influsso ovviamente dell’artista e primo proprietario Jacques Majorelle.
Una favola.

NB se avete tempo chiedete al proprietario del vostro riad di noleggiare una bici e girate per la città.
Arrivate fino ai giardini Menara o, se avete voglia, fino a La Palmeraie – ma preparatevi ad un’ora di strada tra quasi deserto, palme e riad invisibili.

Photo 22-05-15 13 18 14

EAT

Photo 21-05-15 13 10 32.jpg

PRANZO
Cafè Arab, una doppia terrazza comfy e cosy circondata dai tetti e dai colori giallo-rosa-azzurri di Marrakech. Ideale per un pranzo veloce quando si visita il souk.
Terrace Des Epices, una vasta terrazza con tende scure ed un piccolo orto di spezie al centro. La terrace des epices vi accoglie con lampade e cappelli di paglia. Ideale per pranzo.
La Mamounia, se volete rilassarvi a bordo piscina immersi nella tranquillità di un bel giardino La Mamounia è quello che cercate.

Photo 22-05-15 23 12 01.jpg

CENA
Riad Kniza per una cena tranquilla in un vero riad. Scegliete se mangiare pollo, agnello o pesce et voilà, menù servito in una saletta come fosse una casa. Servizio impeccabile
Bo & Zin, stile minimal, in legno, con un giardino all’aperto tra cactus e fontana. Ideale per cena e per un drink dopocena.

DRINK
SOFITEL per un aperitivo o dopocena super chilling immersi nel verde e sommersi in divani bianchi
THE PEARL per una vista su Marrakech al tramonto, incantevole.
COMPTOIR per un dopocena (o direttamente cena) che si trasforma in club – se riservate e volete poi immergervi in disco dance riservate il tavolo al piano superiore
Jad Mahal, immerso in un’atmosfera marocchina qui oltre al ristorante c’è una sala con palco e tavoli per danzatrici del ventre e cantanti. Qui di solito inizia la disco dance.
DISCODANCE
Se volete una notte da leoni iniziate con Jad Mahal o Comptoir e proseguite al Silver o al Theatro.
Se volete invece chilling con un po’ di festa a bordo piscina durante il giorno c’è sempre il Nikki Beach, che a noi non ha fatto impazzire. Molto meglio andare in piscina a La Mamounia o nel riad e poi sbizzarrirsi la sera.
DOVE DORMIRE
Per l’alloggio vi consigliamo sia la zona della Medina, anche se scomoda per uscire la sera o per arrivarci in taxi a causa delle stradine, sia la zona ad ovest della Medina dove ci sono i grandi hotel.
Noi siamo state molto bene al riad BE Marrakech e al riad Teranga Maison d’hotes. I proprietari gentili, i riad belli ad un buon prezzo.
CONSIGLI UTILI
A Marrakech sono tutti molto gentili, noi, due ragazze non abbiamo avuto alcun problema. Ma sempre occhi aperti comunque: state attenti, evitate vestiti corti nella medina e contrattate sempre. Ad esempio, il costo del taxi areporto-hotel in Medina/centro costa circa 100-150 dirham, e gli spostamenti da un luogo all’altro dai 20 ai 50 dirham massimo (specialmente la sera o per le lunghe tratte).

Photo 21-05-15 21 18 29
Piazza Jami-El-Fna

Photo 23-05-15 16 19 45.jpg
Tombe Sadiane

Photo 23-05-15 13 04 49.jpg
La Mamounia

Photo 23-05-15 15 59 49.jpg
Royal Mansour

Photo 22-05-15 22 31 12
Riad Kniza

Photo 23-05-15 16 54 01.jpg
Palazzo El Badi

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *