VIENNA – 24 Hours

wiener rathaus

Abbiamo scoperto Vienna tramite la musica di Mozart da piccole quando il papà ci svegliava la domenica. L’abbiamo riscoperta con Schiele e Klimt in tutto il mondo. E poi alla fine ci siamo andate prima per lavoro e poi per piacere.
Grazie a due amiche che vivono lì ce ne siamo innamorate. Sembra così severa e rigida, ma è così elegante, raffinata e viva che si respira l’impero e tanta voglia di festa.

Tra Sacher, mercati, musei e ristoranti vi sveliamo tutti i don’t miss per viverla al meglio come abbiamo fatto noi.

TO SLEEP
  • 25HOURS, super curato nei dettagli e colorato. Moderno ma non troppo, vi regala particolari che fanno la differenza, come la colazione on the go o il circo pitturato sulle pareti della stanza. Il rooftop bar è movimentato la sera, così come il ristorante. Camere fantastiche e personale super!
  • Sofitel Vienna Stephansdom, per i più raffinati. Le suite bianche del Sofitel con vista su Vienna sono un sogno. Le Loft, il rooftop bar che per colazione è esclusivamente riservato agli opsiti, la sera è invece aperto a tutti e gode di una vista meravigliosa con un soffitto colorato come se fosse marmo.
TO EAT

BREAKFAST sapete che per noi è sacra, quindi due sono i posti per eccellenza:

  • Hotel Sacher, mi raccomando andate proprio al cafè dell’hotel, non al cafè Sacher accanto. Ovviamente ordinate una fetta di Sacher accompagnata da tè Sacher. Ps il Blaue Bar è strepitoso per aperitivo, prima dell’opera ovviamente.
  • Cafè Landtman, dove tutti gli artisti, Mozart incluso, andavano. Ordinate cappuccio e trio di torte viennesi, anche se tutti i dolci sono ottimi, comprese le brioches.

LUNCH & DINNER

  • Miznon, un piccolo posticino molto rustico con cucina dal vivo nel cuore di Vienna. Sembra di tornare indietro nel tempo, e si descrive come ‘food lovers, party people, vibe creators, magic makers, story tellers’. Creato dallo chef israeliano Eyal Shani, vi consigliamo a pranzo il cavolo al forno.
  • Labstelle, quasi non si vede. Tutto in legno con lampade nere di design. Lungo e stretto è ottimo per pranzo, dove ogni giorno c’è un piatto speciale. Cucina ottima e raffinata come i dettagli di interior design.
  • Das Beaulieu Bistrot, ambiente da vero bistrot quasi provenzale. Non è tipico ma molto carino, anche per l’epicerie che vende ottimi prodotti take away e vini. Ideale per un pranzo tranquillo o una cena in terrazza d’estate.
  • Ulrich, ottimo e cozy, è ideale per brunch o per sentirsi tranquilli la domenica.
  • Griechenbeisl, un’istituzione a Vienna. Meta di artisti, musicisti, scrittori e politici è il posto perfetto per chi volesse assaporare la tradizione culinaria e sociale di Vienna. Sia per pranzo che per cena.
  • TIAN, stella Michelin per lui è un ristorante vegano. Scegliete il menù tra 4, 6 (consigliate) o 8 portate e godetevi una super serata.
TO DRINK
  • Motto, ristorante e bar è super consigliato per cocktail ed ambiente super young and cool.
  • Kleinod, un bar super dark e super chill con ottimi cocktail-infusion
  • Roberto, dicono sia uno dei migliori cocktail bar in Europa. Dietro c’è uno dei migliori barman Roberto Pavlovic. Provate e giudicate!
  • If Dogs Run Free, uno dei più ricercati cocktail bar in città progettato da Tzou Lubroth Architekten. Vale la pena andarci anche solo per vedere l’architettura.
  • Le Loft, vista mozzafiato su tutta Vienna con soffitto luminoso-effetto marmo. E’ il rooftop bar del Sofitel, ed è imperdibile.
TO DO
  • Belvedere Winter Palace, eleganza perfetta di un palazzo del diciottesimo secolo che ospita mostre contemporanee e moderne
  • Austrian National Library, rimarrete a bocca aperta ammirando soffitti affrescati e particolari barocchi
  • Justizpalast, per una toccata e fuga ammirando l’atrio che rappresenta un perfetto risultato prospettico ed architettonico
  • Schonbrunn Palace, se volete sentirvi minuscoli e visitare la residenza di Sissi
  • Leopold Museum, se amate Schiele e Klimt o volete scoprire l’arte austriaca moderna (ps il museo si trova nel Museumsquartier dove ci sono anche Kunsthalle e MUMOK. Noi vi consigliamo il Leopold in ogni caso ma non perdetevi le installazioni di street art)
  • Albertina, un museo fantastico che unisce grafica, architettura, fotografia e pittura con quadri di Durer, Brueghel, Monet e molti altri
  • Klimt Villa o Mozarthaus, per chi volesse la casa del pittore o del compositore
  • Naschmarkt, da lunedì a sabato è un mercato a cielo aperto dove potrete comprare tulipani, antichità e street food (ps Tea e Do-An sono due cafè sempre super affollati)
  • Grandi classici come St Stephen’s Cathedral, Hofburg Imperial Palace, Vienna State Opera e Rathaus (e Tiergarten Schönbrunn, lo zoo più antico del mondo, che a noi non piace perchè amiamo gli animali in libertà)

schonbrunn wien
hotel sacher wien
miznon wienlabstelle wien25hours wiencafe landtmannjustizpalast wien

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *